TARGA ALIENA

TARGA,PLACCA,EDMONTON,CANADA,ALBERTA,UFO,SCRITTURA MISTERIOSA,TARGA METALLICA

 

LA STORIA DI QUESTA PLACCA DI METALLO INCISA IN MANIERA QUASI BARBARA HA DELL’INCREDIBILE,TANT’E’ CHE IO STESSO,CHE NE SONO IL RITROVATORE E LA DETENGO IN POSSESSO DAL 1967,L’HO SEMPRE TENUTA AL DI FUORI DELLA CRONACA E DALLA PUBBLICITA’ DELLE NOTIZIE MISTERIOSE,E’ STATA SOLO UNA VOLTA MOSTRATA E FOTOGRAFATA AL PRIMO CONGRESSO UFOLOGICO DI CATTOLICA NEL 1976 E DA ALLORA E’ STATA TENUTA GELOSAMENTE CUSTODITA DA ME.

MOLTISSIMI STUDIOSI DELLA MATERIA SE NE SONO INTERESSATI E TRA TUTTI LA SIG/RA DANIELA GIORDANO,MISS ITALIA 1966,ED ATTRICE,NEI PRIMI ANNI 80 SMETTE DI LAVORARE E TORNATA NELLA SUA PALERMO SI OCCUPOERA’ DI UFOLOGIA E PARAPSICOLOGIA E TUTT’OGGI NON HA SMESSO DI OCCUPARSI DI STUDIARE LA TARGA.

TARGA,PLACCA,EDMONTON,CANADA,ALBERTA,UFO,SCRITTURA MISTERIOSA,TARGA METALLICA

DANIELA GIORDANO

GRAZIE AI SUI  STUDI LA PLACCA EBBE L’ONORE DI VENIRE PUBBLICATA SULLA RIVISTA UFOLOGICA NEL GIUGNO DEL 2007  :

U.F.O. : from Canada to Italy and return

Daniela Giordano

June 19, 2007

TARGA,PLACCA,EDMONTON,CANADA,ALBERTA,UFO,SCRITTURA MISTERIOSA,TARGA METALLICA

 In the year 1967 an Italian immigrant (L.R.) was living in Edmonton, Alberta, Canada. He lived in a little room in 92nd Street, rented from an Ukraine family. The room, about mt.3 x 2,70, was beneath the roof and had a window looking towards the North-East. And it was this window gave him the chance to witness a strange phenomenon.


It was a cold Saturday of November 4th 1967, but the weather was otherwise quite good. And it was about 11.30 p.m. when L.R. came back home after spending the evening with some Italian friends living in 95th Street. As soon as he was in his spartanly furnished room, he started to prepare a cup of coffee before going to bed. He placed the coffee machine on the gas-ring and waiting for the coffee to come through, smoking a cigarette, and looking out of his window. He could see the sky and part of the Saskatchewan river, at that moment iced-up, running alongside the Riverside Municipal Golf Course far from the window – about 1500 meters as the crow flies.

Just a few minutes of contemplation of the landscape…then, suddenly, L.R. spotted a brilliant light in the dark sky. It came from the East headed fast towards the North and moving on, perpendicular to his point of observation. At first, he thought it was a aeroplane, because the airport was not far away, but its path and its behavior attracted his attention.

In fact the brilliant dot started to become lower. Then it stopped, starting to emit an intense pulsating light. He noticed now its globular shape. The size was double that of a car’s headlight. The light was now fixed in the dark sky emanating a pulsating reddish light. Suddenly the light went off. And the object was no longer visible. But in the position where the object should have been, a bright blue ring appeared, becoming bigger and bigger while it was directed towards the ground until it disappeared. This phenomena of the rings was repeated 3 times. Then the object re-appeared with its reddish pulsating light.

It remained there for about 10 minutes. It was about 11.45 p.m. when another extremely faint light came away from the main object and rapidly moved towards the ground in an oblique path. At this point L.R. switched off the light in his room, turned off the gas-ring, and full of fear and curiosity, took his place again at the window.

The little object was now at about the level of 500 meters. It started to slow down, almost stopping, then started again to slow down, still headed towards the ground. Now L.R. could see it clearly. It was round, terribly squashed at the poles. It was a silver color. It emanated a soft violet light. It rotated slowly on itself and emitted a buzzing sound like an electric transformer. It flew over the Saskatchewan river and landed on the grass of the Riverside Municipal Golf Course – far from his window – about 1.500 meters as the crow flies. There, the light of the object went out. It remained extinguished for about 5 minutes. Then it lit up again and took off towards the main object, still fixed in the same point as before. When the little object reached the main object, it was literally swallowed by the main object. Then, it started to move slowly, then fast, at the same time that light became more brilliant and pulsating, then it disappeared towards the North.

The day after, November 5th, Sunday, L.R. woke up early and looked in the newspaper for some news about the phenomenon. He couldn’t find any news, so he decided to look at the location of the landing. He needed about half an hour to find, on the grass, the traces of the landing: a ring of 5 meters of squashed grass. At a distance of about two meters from the ring’s edge there were some holes in the ground of about 10 cm. in diameter. He was leaving the spot when a twinkling on the grass attracted his attention. A piece of metal peeped out among the blades of grass. It was a square plate like copper, with strange characters and writing engraved on it. The size of the plate was cm. 17,3 wide by cm. 12,5 high. Thickness: mm 1 about. He took the plate home with him.

In the days that followed he looked again for a story in the newspapers, but still didn’t find anything. He was afraid and he didn’t know what was better to do. At last he decided not to declare the phenomena (would anyone have believed his story ?)to the police because he was in a foreign country, because he was an immigrant and because he didn’t wish to have problems with his passport.

Six years later he was able to come back to Italy. And he brought the plate with him.

I think it was approximately in the year 1976 (or maybe 1977) when I read this story in an Italian magazine. The black & white photo of the plate published beside the article had attracted my attention. After some telephone calls to the magazine I obtained the telephone numbers of Mr. L.R. who was living in Southern Italy. Thus, I got in telephone contact with him. He confirmed the story and told me he was not interested in analyzing the plate. It was just like a lucky mascot for him stored in his strongbox and this interest about his story was starting to disturb him. Moreover, he didn’t have much interest in UFOs and related matters. So, after this conversation, we agreed, I arranged to send a friend of mine, living closer to his town, with the task of taking a photo of this strange plate.

Since then I didn’t have any further contact with him. As far as I know, no other researchers have ever studied or done research on this plate. And during all these years no other magazine or newspaper has ever written a single word about this story.

I can just offer a couple of personal simple terrestrial explanations: I think that piece of metal could have been left there intentionally. The UFO occupants wanted someone from this planet to see the event and investigate the spot. In fact, the finding, without the sighting, would have not stirred up any curiosity and surely the plate would have ended in the rubbish sack of the Municipal Riverside Golf Course gardeners.

It is funny to think that whilst on the 4th November in Edmonton this plate was left on the grass of a popular golf course; a few months before, on the 3th June, in St. Paul, a little town in Alberta, an independent group inaugurated the first UFO platform in the world. The sign beside the pad reads: “The zone beneath the World’s First UFO Landing Pad was named “international” by the Town of St. Paul as a symbol of our faith that mankind will keep the outer universe free from national wars and strife. That future travel in space will be safe for all intergalactic beings, all visitors from Earth or elsewhere are welcome to this territory and to the Town of St. Paul.” Beautiful, romantic, full of good intentions and unattainable. I do not think that today it would be possible to write the same concept somewhere else easily.

At that time the Minister of the Canadian Defense was Paul Hellyer and he was a guest of honour at the opening. He attended because he found the idea of a UFO platform innovative and progressive but he thought the topic was not important from the political point of view. He considered it a part of the fantasy world rather than part of reality. But now, after almost 40 years, Paul Hellyer has drastically changed his mind. Last year, in fact, he was a guest speaker in Toronto at the conference “Exopolitics Toronto: A Symposium on UFO Disclosure and Planetary Direction”. It is not my intention to convince anyone what UFOs are, if alien life forms exist or are visiting Earth, I am aware this is a controversial matter between normal people. I am just offering this story in an attempt to provide unbiased information for research purposes or for those just interested in the subject.

It must be added here that we earthlings have sent small and large plaques,(artefacts and even video recordings) into space (1972, 1973 and 1977) with the intention of letting our existence be, and I see no reason why the contrary shouldn’t be the case.

Photo of the plate found in Edmonton, Alberta, Canada

DANIELA GIORDANO

DETTO ARTICOLO VIENE PUBBLICATO E TRADOTTO NEL WEB :

http://www.roswell.it/2007/06/25/la-placca-aliena.html

 LEONARDO ROMANO che viveva ad Edmonton in Canada, mentre guardava dalla finestra di un piccolo appartamento in cui viveva in affitto, ha assistito ad un evento sconvolgente.

Era un freddo Sabato, il 4 novembre 1967, ma il cielo era limpido. Verso le 23:30 L.R. rientrava a casa da una cena con connazionali italiani e mentre si preparava un caffè si mise ad osservando il panorama dalla sua finestra da dove era ben visibile il fiume Saskatchewaned il Riverside Municipal Golf Course.
Improvvisamente L.R. vede una luce brillante in cielo arrivare velocemente da est verso nord.
La luce scendeva sempre più verso terra fino a che non si arrestò e cominciò ad emettere una luce pulsante molto intesa di colore rossastro.
Improvvisamente la luce si spense ma nella posizione in cui si trovava compari un anello blu luminoso che diventava sempre più grande. Il fenomeno si ripete per 3 volte fino a che non riapparve la luce pulsante che rimase li per circa 10 minuti.
Alle 23:45, circa, un altra luce estremamente debole si staccò dall’oggetto scendendo velocemente verso terra.
L.R. riusciva a vedere chiaramente il secondo oggetto che si trovava a circa 500 metri da lui; era tondo e schiaccaito ai poli di un colore argenteo ed emetteva una luce viola.
L’oggetto ruotò su se stesso ed emise un ronzio come quello che proviene dai trasformatori elettronici, volò sopra il fiume Saskatchewan ed atterrò sull’erba del Riverside Municipal Golf Course.
La luce si spense per riaccendersi dopo circa 5 minuti e riprendere il volo verso l’altra luce, ancora immobile in cielo, dalla quale venne inghiottita.
L’oggetto ricominciò a muoversi fino a scomparire verso nord.

Il giorno seguente L.R. cercò sui giornali notizie di quell’evento ma non trovando nulla decise di recarsi sul luogo in cui aveva visto atterrare la luce.
Dopo una ricerca, durata circa 20 minuti, L.R. trovò un cerchio di circa 5 metri di raggio dove l’erba risultava schiacciata.
All’interno del cerchio, a circa 2 metri dal bordo vi erano alcuni fori nella terra di circa 10 centimetri di diametro.
L.R. stava lasciando il posto quando qualcosa nell’erba attirò la sua attenzione: un qualcosa di metallo si intravedeva tra gli steli d’erba.
Era una piastra metallica quadrata, sembrava rame, vi erano incise delle scritte fatte con caratteri sconosciuti.
L’oggtto misurava circa 17×12.5 centimetri ed aveva uno spessore di un millimetro.

Nei giorni seguenti L.R. cercò ancora sui giornali qualcosa che riportasse l’accaduto, ma nulla.
Impaurito dalla cosa decise di non raccontarla a nessuno anche perché, essendo un immigrante, non voleva avere problemi con la polizia locale.

Sei anni dopo L.R. è tornato in Italia, portando l’oggetto con se.
Questa storia fu pubblicata nel 1976/77 da un giornale italiano, ma L.R. nonostante fu contattato da numerosi giornalisti non volle far analizzare l’oggetto considerandolo come un suo portafortuna e nulla di piu’.

Ho cercato in giro altre notizie della placca ma non ho trovato altro di interessante.
Sembra che la storia sia finita qui.
Forse è solo un’invenzione.

[via American Chronicle ]

 IN QUEST’ALTRO  LINK :

http://www.croponline.org/edmonton.html

LA PLACCA DI
EDMONTON

Sono ormai anni in cui l’uomo moderno si trova ad affrontare una sfida: quella del confronto con il diverso, con quello che oggi va sotto la voce “extraterrestre”. Infatti da quando l’uomo si è imbattuto in questa novità, ha sempre desiderato avere un contatto in più, capire le radici culturali più profonde di questi esseri e in un certo senso ha anche, spesso e volentieri, desiderato che questi gli dessero un segnale, un mezzo per fargli capire che loro esistevano, esistono; o se vogliamo, anche un mezzo per comunicare qualcosa circa la loro cultura. Nel corso della storia potrebbero essersi verificati parecchi contatti con esseri di altri mondi, se ne potrebbero facilmente rintracciare molti nelle mitologie (se volessimo vedere negli dèi antichi visitatori spaziali – vedi il caso Bep Kororoti, nda); e questi contatti potrebbero avvenire ancora al giorno d’oggi, sebbene in maniera diversa, poiché vivendo in un mondo avanzato non c’è più bisogno che qualcuno venga a istruirci. Tracce di questi antichi contatti ne troviamo in continuazione, ma spesso gli studiosi tendono a tacere, imbarazzati da queste scoperte. Questo è anche il caso relativo a numerose placche metalliche ricoperte da misteriose e indecifrabili lettere. Il ritrovamento più particolare, poiché connesso all’avvistamento di una navicella aliena, sembra essere avvenuto a Edmonton (Canada), dove il protagonista, un italiano di nome Leonardo Romano, ritrovò queste placche. La vicenda accade il 4 novembre del 1967 mentre Leonardo si trovava in casa; improvvisamente, vide scorgere dalla finestra un globo luminoso che si stava posando su un campo lì vicino. Terminato il fenomeno decise di recarsi sul luogo dell’atterraggio. Notò così il terreno bruciato e, deposta sullo stesso, una lastra di metallo di ridotte dimensioni: spessa circa un millimetro e lunga 17 cm; ma la cosa che più sconvolse Leonardo fu che questa lastra era ricoperta da enigmatiche lettere che non corrispondevano a nessun tipo di carattere in uso sulla Terra.
In certi casi sono state rinvenute monete metalliche sulle quali è stato possibile vedere simboli sconosciuti, negli stessi campi di grano inglesi in concomitanza con la comparsa di crop circles. Su queste monete si sarebbero ritrovati gli stessi disegni realizzati nei campi di grano. Non sappiamo se tale fenomeno sia connesso con quello di Edmonton, ma in entrambi i casi ci troviamo di fronte a oggetti enigmatici, sui quali è stata impressa, chissà da chi, una forma di scrittura sconosciuta.
Nessun studioso ha una ancora trovato una teoria sufficientemente valida per poter spiegare il perchè di questo abbandono di placche in Canada e in Inghilterra. Si tratta forse di messaggi di natura extraterrestre? Non possiamo nemmeno escludere l’ipotesi che questi reperti siano appartenuti a civiltà ormai dimenticate, in particolare ci riferiamo alle placche di Edmonton, oppure che questi siano dei falsi, realizzati ad arte da esseri del tutto umani per depistare gli studiosi e per chissà quale altra ragione. Forse non sapremo mai chi, come, cosa e perchè vennero prodotte queste lastre. Possiamo solo continuare a indagare con la speranza che un giorno gli stessi artefici vengano allo scoperto, umani o extraterrestri che siano.

PASQUALE ARCIUOLO

Bibliografia:

Ivan T. Sanderson, Invisible Residents – The Reality of Underwater UFOs

Robert Trundle, Is E.T. Here?

William Alschuler, Science of UFOs, The – What If They’re Real?

Bill Chalker, Hair of the Alien – DNA and Other Forensic Evidence of Alien Abduction

Yves Naud, Ufo e extraterrestri, Edizioni Ferni

Roberto Pinotti, Strutture artificiali extraterrestri

IN QUESTO LINK :http://it.groups.yahoo.com/group/Menphis75/message/488

http://www.antikitera.net/news.asp?ID=9427&TAG=Nazca&page=mistero 

SI TORNA A PATRLARE DELLA TARGA UNITAMENTE ALLE PIETRE DI INCA :

http://www.antikitera.net/news.asp?ID=9427&TAG=Nazca&page=mistero

Resta tutt’ora irrisolto il mistero delle pietre incise dagli “Dei”,
o quanto meno dai loro discendenti. Sono infatti, decifrati soltanto
parzialmente, i complessi glifi Maya che circondano la lastra tombale
di Palenque e la simbologia che si ritrova sulle pietre di Ica, che,
tralasciandone l’assoluta veridicità, sembrano ricondurci ad un
passato remoto in cui la terra era forse meta di visite da
viaggiatori di altri pianeti.
Senza dubbio ci appare molto più semplice negare tale possibile
interpretazione attribuendola ad un’alquanto originale fantasia, ma
negarne un’ipotetica validità non ci permette di svelarne il mistero.
Con un tale atteggiamento, gli enigmi di Ica e di Palenque, fin’ora
non sono mai stati risolti.
Ricorrono ripetutamente, nelle cronache documentate di queste
civiltà, storie di comunicazioni scritte o disegnate, lasciate nella
notte dei tempi da qualcuno che ha cercato di fornire agli uomini
testimonianze scientifiche del proprio futuro. Tali “eredità” però,
non appartengono soltanto a quelle epoche lontane…
Con Leonardo Romano, un italiano trovatosi ad Edmonton in Canada, il
4 novembre del 1967 si ebbe un rilevamento alquanto misterioso:
l’uomo vide dalla finestra di casa sua atterrare sul campo antistante
un globo luminoso, accanto ad una porzione di terreno erboso
vistosamente bruciato trovò una piccola lastra di metallo, spessa
solo un millimetro e lunga all’incirca 17 cm. La lastra, cosa
alquanto sconcertante, era ricoperta in modo fine da una serie di
lettere estranee a qualsiasi alfabeto terreste conosciuto.
Questo reperto, se fosse stato ritrovato in un era remota, sarebbe
stato sicuramente considerato un dono degli dei e ricopiato
innumerevoli volte, come le pietre di Ica. Purtroppo sia le pietre di
Ica, sia molti altri ritrovamenti archeologici fanno parte di una
lunga serie ignorata dalla scienza ufficiale.
E’ comunque da ricordare come apparizioni di globi luminosi e cerchi
bruciati siano oggi argomento di grande discussione tra gli ufologi e
non, per quanto riguarda il fenomeno dei cerchi nel grano, altresì
conosciuti come “crop circle”, il fenomeno del Leonardo romano non è
oggi poi tanto insolito: sono gia state trovate altre placche
sotterrate nei campi di grano dove erano state disegnate complesse
geometrie e disegni, come la placca di Edmonton, anche queste ultime
posseggono scritte e simboli sconosciuti all’uomo.

ANCORA UN LINK : http://www.antikitera.net/news.asp?ID=9427&TAG=Nazca&page=mistero

PARLA DELLE PIETRE DI INCA E DELLA TARGA

  Sia la simbologia presente sulle pietre di Ica, vere o false che siano, sia i complessi glifi maya che circondano la lastra tombale di Palenque, solo parzialmente decifrati, sembrano ricordarci un passato remoto in cui la Terra, forse, era meta di visite da altrove. Indubbiamente è molto facile e comodo negare questa interpretazione, come frutto di un’accesa fantasia, ma negare non significa spiegare. Per questo motivo, dunque, gli enigmi di Ica e Palenque non sono mai stato risolti. Storie di pretese comunicazioni scritte o disegnate lasciate da qualcuno che, nella notte dei tempi, ha cercato di fornire una testimonianza scientifica agli uomini del futuro ricorrono ripetutamente nelle cronache documentate di questa umanità e non appartengono soltanto ad un remoto passato attorno al quale è possibile speculare senza alcun freno. Il 4 novembre 1967 Leonardo Romano, un nostro connazionale che si trovava a Edmonton, in Canada, vide dalla finestra di casa sua un globo luminoso atterrare sul campo antistante. Accanto ad una porzione di terreno erboso vistosamente bruciata, Romano trovò una minuscola lastra metallica lunga 17 centimetri e spessa solo un millimetro, coperta finemente da una serie di lettere non appartenenti ad alcun alfabeto terrestre conosciuto. Questo reperto, che qualche migliaio di anni fa sarebbe stato considerato un dono degli dei e per questo sarebbe stato ricopiato all’infinito, come le pietre di Ica, è stato ignorato, ancora una volta, dalla scienza ufficiale. E pertanto ancora una volta il mistero, Quando

http://www.edicolaweb.net/arca011a.htm   stelo calabresi

parliamo di corpi che escono fuori della comune esperienza, naturalmente possiamo fare solo due cose: descriverli o rilevare della somiglianze oggettive (8). È appunto il caso delle affinità tra le pietre di Ica ed una placca in metallo trovata ad Edmonton, in Canada.
Era i 4 novembre del 1967 quando un italiano residente ad Edmonton – tale Leonardo Romano – ebbe modo di osservare un globo luminoso che scendeva nel campo vicino alla fattoria nella quale si trovava. Nel posto del presunto atterraggio, dove la terra risultava bruciata, Romano trovò una piccola lastra di metallo (9). Va da sé che questo reperto è stato ignorato dalla scienza ufficiale. E quindi il mistero rimane.
forzatamente, permane.

http://www.nibiru2012.it/forum/archeologia/scoperta-sensazionale-bari-una-grotta-63959.0.html

Fra i numerosi misteri legati ai messaggi “in codice” dobbiamo ricordare la “placca metallica di Edmonton” (Canada) rinvenuta il 4 novembre 1967 da un certo Leonardo Romano nei pressi della sua abitazione. La lastra, lunga 17 centimetri e spessa solo un millimetro, è coperta di simboli e lettere che non appartengono ad alcun alfabeto terrestre conosciuto

http://www.acam.it/acampietre.htm

LA PLACCA METALLICA DI EDMONTON

Il mistero delle pietre incise dagli “dei”, o quanto meno dai loro discendenti, resta irrisolto. Sia la simbologia presente sulle pietre di Ica, vere o false che siano, sia i complessi glifi maya che circondano la lastra tombale di Palenque, solo parzialmente decifrati, sembrano ricordarci un passato remoto in cui la Terra, forse, era meta di visite da altrove. Indubbiamente è molto facile e comodo negare questa interpretazione, come frutto di un’accesa fantasia, ma negare non significa spiegare. Per questo motivo, dunque, gli enigmi di Ica e Palenque non sono mai stato risolti. Storie di pretese comunicazioni scritte o disegnate lasciate da qualcuno che, nella notte dei tempi, ha cercato di fornire una testimonianza scientifica agli uomini del futuro ricorrono ripetutamente nelle cronache documentate di questa umanità e non appartengono soltanto ad un remoto passato attorno al quale è possibile speculare senza alcun freno. Il 4 novembre 1967 Leonardo Romano, un nostro connazionale che si trovava a Edmonton, in Canada, vide dalla finestra di casa sua un globo luminoso atterrare sul campo antistante. Accanto ad una porzione di terreno erboso vistosamente bruciata, Romano trovò una minuscola lastra metallica lunga 17 centimetri e spessa solo un millimetro, coperta finemente da una serie di lettere non appartenenti ad alcun alfabeto terrestre conosciuto. Questo reperto, che qualche migliaio di anni fa sarebbe stato considerato un dono degli dei e per questo sarebbe stato ricopiato all’infinito, come le pietre di Ica, è stato ignorato, ancora una volta, dalla scienza ufficiale. E pertanto ancora una volta il mistero, forzatamente, permane

QUESTO LINK : PARLA ANCORA DELLA PIASTRA DI EDMONTON 

  • http://xoomer.virgilio.it/angscevo/Domus/OOPArt/Html/OOPArt.htm
  • La lastra di Edmonton:
    Edmonton, Canada. Il 4 novembre 1967 Leonardo Romano vide dalla finestra di casa sua un globo luminoso atterrare sul campo antistante. Accanto ad una porzione di terreno erboso vistosamente bruciata, Romano trovò una minuscola lastra metallica lunga 17 centimetri e spessa solo un millimetro, coperta finemente da una serie di lettere non appartenenti ad alcun alfabeto terrestre conosciuto.
    Questo reperto, che qualche migliaio di anni fa sarebbe stato considerato un dono degli dei e per questo sarebbe stato ricopiato all’infinito, come le pietre di Ica, è stato ignorato, ancora una volta, dalla scienza ufficiale.
IN QUESTO LINK :http://www.edicolaweb.net/arca011a.htm   stelo calabresi
SI LEGGE :parliamo di corpi che escono fuori della comune esperienza, naturalmente possiamo fare solo due cose: descriverli o rilevare della somiglianze oggettive (8). È appunto il caso delle affinità tra le pietre di Ica ed una placca in metallo trovata ad Edmonton, in Canada.

Era il 4 novembre del 1967 quando un italiano residente ad Edmonton – tale Leonardo Romano – ebbe modo di osservare un globo luminoso che scendeva nel campo vicino alla fattoria nella quale si trovava. Nel posto del presunto atterraggio, dove la terra risultava bruciata, Romano trovò una piccola lastra di metallo (9). Va da sé che questo reperto è stato ignorato dalla scienza ufficiale. E quindi il mistero rimane.forzatamente, permane.

E PER FINIRE,SI POTREBBE CONTINUARE A FARE CITAZIONI ALL’INFINITO,SUL FORUM DI NIBIRU :http://www.nibiru2012.it/forum/archeologia/scoperta-sensazionale-bari-una-grotta-63959.0.html
SI LEGGE :

Fra i numerosi misteri legati ai messaggi “in codice” dobbiamo ricordare la “placca metallica di Edmonton” (Canada) rinvenuta il 4 novembre 1967 da un certo Leonardo Romano nei pressi della sua abitazione. La lastra, lunga 17 centimetri e spessa solo un millimetro, è coperta di simboli e lettere che non appartengono ad alcun alfabeto terrestre conosciuto



PER CONCLUDERE  SI LASCIA AL LETTORE AL SUO ULTIMO E DECISIVO SUPREMO GIUDIZIO !!!!!!!





TARGA ALIENAultima modifica: 2012-04-14T17:23:44+00:00da piramidex1
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “TARGA ALIENA

  1. Cresce l’attesa per il 21 dicembre 2012 e aumenta la frequenza di storie simili.
    Ormai è palese come per quella data avremo finalmente il contatto con gli Annunaki.
    E sarà uno spettacolo osservare il crollo delle teorie allineate e coperte della scienza ufficiale.
    Aprite la vostre menti al grande popolo degli Annunaki.

    Thethirdeye

  2. Gentile thethirdeye ,grazie dell’intervento,ma e’ doveroso chiarirti che io non ho mai asseriuto che la placca e’ asutentica ne’ aliena,ho esposto solo i fatti del ritrovamento e i luoghi,dal 1967 l’ho tenuta al riparo da cronache e speculazioni,oggi che mi avvio verso il tramonto della mia vita ho deciso di rendere piu’ pubblica la cosa,anche se in precedenza alcuni se ne erano interessati,quindi gli Annunaki non so cosa ci possano aver a che fare.
    Grazie del commento ed ad maiora
    Leonardo

Lascia un commento